“Il susino magico e la luna d’argento”: la nascita del Gruppo

DSC01815

Lunedi 18 novembre
Per volontà di tre amici, scrittori e poeti, Massimo Baldi, Maria Carmela Dettori e Silvia Nava (che poi ha lasciato la carica di Amministratore il 29 dicembre per motivi di tempo), nasce su Facebook il Gruppo di scrittura di poesia in metrica giapponese, HAIKU in primis, poesia occidentale e racconti “Il susino magico e la luna d’argento” , “…con l’idea di sviluppare e rafforzare le anime poetiche e narrative d’oriente e d’occidente; in questo senso già il titolo cerca di mettere in evidenza l’ideale ponte tra i bagliori baluginanti della luna, tanto cara e complice compagna per narratori e poeti d’ogni latitudine, ed il rigoglioso pruno, sotto il quale tante magie d’oriente si sono consumate e ancor si consumeranno. Si posteranno, quindi, componimenti secondo i canoni classici della poesia giapponese (in primis, haiku) e componimenti a verso libero, ma anche racconti e satire, secondo quanto descritto nelle Regole del Gruppo. Non ci resta che augurarVi Buon Viaggio in questo percorso luminoso fatto di Nobili Parole ed Arte…”

Gli Amministratori del Gruppo sono Massimo Baldi e Maria Carmela Dettori.

Questo Blog intende raccogliere alcuni dei tantissimi frammenti e spazi di condivisione di Amicizia, Arte ed Assoluta Armonia dello spirito.

Haiga con haiku in catena – sabato 23/11/2013

1388113_10202311469418493_1087122773_n

Foto di  Silvia Nava

Ecco gli haiku in catena postati sulla foto proposta da Silvia Nava: gli Amministratori fanno i complimenti a tutti gli haijin!

Maria Carmela
sole al mattino
ma sonnecchia la città-
il desco è pronto

Vincenzo Adamo *2
Il desco è pronto
al caldo del camino
deserto il cuore

ManIn Frack *3
deserto il cuore
di vere sensazioni –
alba silente

Enza *4
alba silente-
il mio pensiero vola
da te amore mio

Maria Carmela *5
da te amore mio
bevo nettari dolci-
in notti insonni

Vincenzo Adamo *6
in notti insonni
in fondo al mio sentiero
compari in cielo

Vincenzo Adamo *7
compari in cielo
viso dei miei sogni
poi ti nascondi

Maria Carmela *8
poi ti nascondi
e mentre cerco invano
l’uscio si chiude

Vincenzo Adamo *9
l’uscio si chiude
ma non sarà per sempre
basta bussare

Caterina Sale *10

basta bussare –
ed al momento giusto
un segno aprirà

Vincenzo Adamo *11
un segno aprirà
il portone al cielo
fragor di stelle

ManIn Frack *12
fragor di stelle
passa il carro dell’orsa –
notte e traffico

Vincenzo Adamo *13
notte e traffico
che confusion di stelle
solo un vigile

ManIn Frack *14
solo un vigile
uccello sosta in alto_
quercia possente

Vincenzo Adamo *15
quercia possente
nude ha le sue radici
s’attacca al tempo

Maria Carmela *16
s’attacca al tempo
e mai arriva puntuale-
adesso piove

Vincenzo Adamo *17
adesso piove
ma siam sotto l’ombrello
un bel riparo

ManIn Frack *18
un bel riparo
è la baita sul monte –
scende la neve

Vincenzo Adamo *19
scende la neve
s’imbianca il campanile
suona la pioggia

Margarete Rupp-Soriano *20
suona la pioggia
sulla pista brasiliana
per il gran premio

ManIn Frack *21
per il gran premio
concorrenti in partenza –
ecco lo start

Vincenzo Adamo *22
ecco lo start
siam pronti alla partenza
mi fermo ai blocchi

Maria Carmela *23
mi fermo ai blocchi-
risuona alto lo sparo
mi libro in volo

ManIn Frack *24
mi libro in volo
con mille giravolte –
vecchio aquilone

Vincenzo Adamo *25
vecchio aquilone
che il vento più non spinge
or spiega le ali

Antonio de Curtis *26
or spiega l’ali
l’anima mia libera
incontro all’alba

Gianluca Lindiri *27
incontro all’ alba
festosi uccellini
l’ anima canta

ManIn Frack *28
l’ anima canta
accoccolati al caldo –
letto d’inverno

Massimo Baldi * 29
letto d’inverno
felicità e silenzi –
il nuovo giorno

Antonio de Curtis *30
il nuovo giorno
e tu accanto a me
ancora e ancora

Vincenzo Adamo *31
ancora e ancora
amore amaro ancora
amore ancora

Antonio de Curtis *32
amore ancora
e amaro amaro amaro
amore ed odio

Vincenzo Adamo *33
amore ed odio
hanno stesse radici
frutti diversi

Gianluca Lindiri *34
frutti diversi
rami secchi d’ autunno

timido sole

Caterina Sale *35
timido sole
sorge lieto ad oriente –
brillio di pace

ManIn Frack *36
brillio di pace
al risveglio del lago  –
silente aurora

Caterina Sale *37
silente aurora
tra perle di rugiada-
un amor nasce

Gianluca Lindiri *38
un amor nasce
tra la pioggia battente-
il sole dorme

Caterina Sale *39
il sole dorme
di nuovo, scompare ora –
scala di grigi

ManIn Frack *40
scala di grigi –
dalla tempesta in cielo
pioggia battente

Gianluca Lindiri *41
pioggia battente
un cielo autunnale –
malinconia

Enza *42
malinconia-
Imprigionata l’anima
All’imbrunire

Paola Martino *43
All’imbrunire
torna la nostalgia
Di un volto caro

Severa Disingrini *44

di un volto caro

ricordo occhi ridenti

di verde salvia

Margarete Rupp-Soriano *45
di verde salvia
oggi il mare in tempesta
vento impetuoso

Haiga con haiku liberi – sabato 23/11/2013

1470758_579337625455369_1386482481_n

Foto di  Massimo Baldi: ecco gli haiku postati sulla foto proposta da Massimo Baldi, gli Amministratori fanno i complimenti a tutti gli haijin!

ManIn Frack
tenue acquarello
si specchia nello stagno
l’autunno uggioso

Maria Carmela
mi libro in volo
e cerco l’infinito-
a piedi scalzi

Vincenzo Adamo
La mente oscura
nuvola di fanghiglia
dentro lo stagno

Caterina Sale

tra cielo ed acqua –
lente rifletton le ombre
d’incanto lucor

Vincenzo Adamo
la rana ride
man mano che lo stagno
di ciel s’affolla

Gianluca Lindiri

ride l’ acqua
sulle verdi foglie oro-
canta usignolo

ManIn Frack
acqua increspata
a novembre nel parco_
non c’è alcun vento

Maria Carmela
nel ruscello ora
il cielo si confonde-
e non piove più

Margarete Rupp-Soriano
e per incanto
nel ruscello limpido
saltano rane

Massimo Baldi
chiaror dell’alba –
qual passionali abbracci
tra terra e cielo

Massimo Baldi
sete d’estate –
anatre e cigni bianchi
striduli canti

SOTTO L’OMBRA DEL PRUNO FIORITO – domenica 24-11-2013

SOTTO L’OMBRA DEL PRUNO FIORITO

(rubrica bisettimanale, giovedi e domenica, di approfondimento degli Haiku degli antichi maestri)

 DSC00539

l’orchidea di notte –

nasconde nel profumo

lo splendore del fiore.

(Yosa Buson)

Con Yosa Buson (1716-1783) l’haiku ripercorre le “strade” tracciate dal MAESTRO Basho che morì appena ventidue anni prima di lui.

E’ stato sempre considerato un padre amorevole, con un grande affetto per la sua sposa, è stato ritenuto un buon pittore cosa che si riflette sui suoi haiku dai colori illuminanti e dalla ricchezza del particolare; diciamo che mentre Basho si metteva in ascolto con i suoni della Natura, Buson ne carpiva l’immagine e, come su una immaginaria tela, li traduceva in versi.

SOTTO L’OMBRA DEL PRUNO FIORITO – giovedi 21-11-2013

SOTTO L’OMBRA DEL PRUNO FIORITO

(rubrica bisettimanale, giovedi e domenica, di approfondimento degli Haiku degli antichi maestri)

DSC00539 

con l’invidia negli occhi –

insegui la farfalla

uccellino in gabbia

(Kobayashi Issa)

Con Kobayashi Issa (1763-1828) l’haiku l’haiku raggiunge vertici della purezza d’ispirazione che forse soltanto Basho aveva toccato. Visse anche lui in povertà e rimase sempre amico dei poveri, la sua anima nobile mantenne sempre uno spirito fanciullesco, cosa che si percepisce immediatamente nei suoi versi.

Scrisse haiku sulle lumache (54), sulle rane (200), sulle zanzare (150), gatti, uccelli, rondini, mosche, lucciole, libellule, corvi e altre creature del mondo animale ma sono rari gli haiku sul pruno, sul ciliegio, sul pino e sugli alberi tanto cari ai Maestri Giapponesi. Dove erano finiti ?

Come Egli stesso afferma: “Invece di dilettarti in giardini fioriti, piegati a coltivare un campo di riso dietro casa…le verdi glume dell’orzo sono più commoventi delle peonie”.